IIS MONTECCHIO MAGGIORE

   L’ Istituto è scuola secondaria di secondo grado di nuovissima istituzione. Infatti con prot. 88 /C20 datato Venezia, 15 Gennaio 2004 si stabilisce che "nell’ambito territoriale della scuola superiore n. 4, sezione di Arzignano e Valdagno viene istituito un Istituto di Istruzione superiore a Montecchio Maggiore con l’ex I.P.S.C. " A. da Schio” - scuola coordinata, l’ex I.P.S.I.A “Sartori” di Lonigo - scuola coordinata, e l’ex I.T.C. "Luzzatti" di Valdagno - scuola coordinata".
L’accorpamento di tre indirizzi diversi costituisce di per sé un sistema di rete di indirizzi professionali intercomunicanti tra loro nei settori dell’economia aziendale, delle tecniche commerciali, delle tecnologie meccaniche elettriche ed elettroniche.
È l’unico istituto superiore nel comune di Montecchio Maggiore.

Il rapporto con il territorio

   La scuola opera in un territorio che negli ultimi anni ha registrato un crescente e intenso sviluppo socio-economico. Tale espansione ha determinato l’affermarsi di un polo industriale impostato in maggior misura sul settore metalmeccanico, ma anche con stabilimenti nei settori chimico, conciario e tessile.
L’area di Montecchio Maggiore può essere considerata come un sistema in cui si intrecciano tre principali filiere: produzione di motori e componenti elettromeccaniche, produzione di materiale elettrico e realizzazione di sistemi d’automazione industriali.
Per quanto riguarda la prima filiera, circa l’80% della produzione mondiale di elettropompe è realizzata nel distretto. Nel comparto dei materiali elettrici di rilievo è la presenza di importanti aziende leader del settore in grado di realizzare prodotti diversi tra loro (batterie, cavi e accumulatori) difficilmente modularizzabili e scomponibili, la cui produzione è comunque completamente integrata all’interno della singola azienda.
Infine, troviamo le macchine industriali, vale a dire prodotti complessi che abbinano una parte meccanica ad un sistema elettrico più o meno elaborato.
Storicamente, lo sviluppo di competenze specialistiche è legato alle vicende di alcune imprese che hanno reso l’area vicentina un polo industriale riconosciuto a livello mondiale.
Nel polo di Montecchio Maggiore è da sottolineare anche l’alta frammentazione del tessuto produttivo del sistema locale per cui, a fianco di importanti leader del settore, esiste una molteplicità di piccole e medie industrie che svolgono attività di nicchia, specializzandosi su singole attività produttive.
Un contesto economico così articolato richiede personale dotato di capacità sia professionali che relazionali, aperto alle innovazioni e in grado di rispondere con competenza e flessibilità alle esigenze del mondo del lavoro.

Il bacino d’utenza

   Il successo scolastico e l’ampliamento dell’offerta formativa hanno portato col tempo all’allargamento dell’utenza;il bacino dell’istituto non si limita ai soli comuni limitrofi, ma si estende in tutta la valle del Chiampo e fino a Cornedo lungo la vallata dell’Agno, a nord raggiunge i comuni di Sovizzo e Altavilla e a sud i comuni di Grancona, Sarego; alcuni studenti provengono dalla provincia di Verona.

 Per ulteriori informazioni consulta il POF